Tutorial: Sovrastampa e fuori registro

Sovrastampa e fuori registro

Una parte fondamentale del lavoro di un grafico è conoscere i processi di stampa.
La maggior parte delle volte che parliamo di stampa, parliamo di offset o litografia.
Quando due colori si sovrappongono, si può lavorare in sovrastampa o in foratura.
La sovrastampa posiziona il colore superiore sul colore inferiore e i due colori interagiscono creando un terzo colore. Quindi in teoria la sovrastampa potrebbe creare effetti indesiderati.
La foratura è quando il colore superiore blocca completamente quello inferiore, quest’ultimo non viene stampato sotto l’area di sovrapposizione.
Quando il colore di primo piano fora quello sottostante, c’è il rischio che in fase di stampa tra i due colori si formi un filettino bianco dovuto all’imprecisione, seppur minima, del registro. Dipende dalla qualità della stampa e del vostro tipografo. Per evitare questo errore (perchè di errore grafico si tratta), si applica una piccola abbondanza chiamata “trapping” Finestra->Elaborazione Tracciati e scegliendo i due tracciati si va sulla finestra di “Elaborazione Tracciati” e si sceglie Abbondanza.

Per il trapping (l’abbondanza):

Come controllare la sovrastampa?
Per fortuna la sovrastampa è un’opzione che di default è spenta. Il controllo va obbligatoriamente fatto:

Illustrator

finestra Attributi e, selezionando i colori che ci interessano, controllare che non ci sia selezionato “sovras. riemp.” o “sovras. traccia”.
Per il controllo si può fare da Anteprima sovrastampa (Menù Visualizza->anteprima sovrastampa).

InDesign

finestra Output->Attributi e, selezionando i colori che ci interessano (o il testo), controllare che non ci sia selezionato “sovras. riemp.” o “sovras. traccia”.
Per il controllo si può fare da Output->Anteprima selezione colori sovrastampa (scegliere vista->Selezioni)

I problemi della sovrastampa:

Lavorando con i Pantone si cerca di evitare la sovrastampa. Il risultato non è mai sicuro: il terzo colore, cioè la somma dei colori sovrapposti, non è mai certo. Se si lavora con aziende o dove c’è bisogno di una certa precisione, c’è il rischio che il risultato non sia lo stesso della bozza concordata, magari inviate un PDF che non ha l’anteprima sovrastampa e invece nel file c’è, con la stampa in mano si vede la differenza.
Se pur il Pantone è un colore puro, cioè non frutto di una combinazione di colori ma di un colore e basta, è “vittima” della sovrastampa. Quando un cliente vi chiede un Pantone, vuole quello. Se “per caso” lasciate in sovrastampa il colore, il danno è fatto.

Conoscere il proprio lavoro
In introduzione anticipavo l’importanza di conoscere i processi di stampa. Non era una frase tanto per dire.
Parliamo di stampa offset (più comune nelle grandi tirature). In questo processo di stampa, abbiamo diversi “torri”, ognuna con un colore.
Il foglio viene passato attraverso tutte le torri aggiungendo man mano il colore di ogni torre. Questo comporta due problemi: la qualità del colore (se corrisponde a quello desiderato) e il fuori registro ( quando passa da una torre all’altra c’è il rischio che si sposti il foglio e avere un fuori registro

Se si stampa in digitale (esempio poster o piccole quantità..). La digitale converte automaticamente tutto in quadricromia annullando tutte le impostazioni, quindi rischio dipende dalla macchina. Alcune macchine lasciano il colore in sovrastampa in modo abbastanza pulito. Altre (e le ho provate a mie spese, esempio..) Ti aggiungono talmente tanto colore che diventa una sbavatura nera. Chiamare lo stampatore è inevitabile.
Due semplici regole:
1 – Il colore scuro vince su quello chiaro. Il nero e i vari blu, viola verde (i Pantone molto scuri, posso essere lasciati in sovrastampa.
Esempio: ho un logo molto sottile in nero, se non utilizzo la sovrastampa, rischio il fuori registro.

2 – I controlli, per qualsiasi tipo di lavoro, non sono mai abbastanza. Sia un lavoro da 10.000 euro che un lavoro ProBono.
Magari per il lavoro da 10.000 euro chiederete anche una bozza alla tipografia prima di mandare in stampa e per il lavoro gratis la stampa ve la fate a casa, ma non andate mai alla cieca.
Anche perchè 10.000 euro fanno sempre conodo.

Lascia un commento